Vercafè | Home

Il colore naturale del Caffè

Il colore naturale del caffè


Il caffè, prima della torrefazione, non è scuro. Sembra banale, ma non tutti lo sanno. Ma qual'è quindi il colore naturale del caffè? Che aspetto ha in natura?

Le piante di caffè più coltivate sono la Coffea Arabica e la Robusta. L'Arabica è un arbusto sempreverde che raggiunge un'altezza che va dai 14 ai 20 piedi, ma solitamente si tiene al di sotto dei 6 piedi.
Porta contemporaneamente fiori e foglie. Le foglie della pianta del caffè, lunghe dai 7,63 ai 15,24 cm, sono a forma di lancia, nascono a coppia, una opposta all'altra.

La superficie superiore è di colore verde scuro, mentre quella inferiore è colore verde chiaro. Le bacche del caffè sono inizialmente verdi scure, con la maturazione diventano gialle e poi rosse, per assumere infine un colore cremisino o mirtillo.

Sotto la buccia del frutto detto "ciliegia", vi è una polpa zuccherina mucillaginosa di consistenza pergamenacea che racchiude i chicchi verdi del caffè, normalmente una coppia di semi ovali pianoconvessi, o talvolta soltanto un seme chiamato per la sua forma chicco grano. I chicchi verdi sono avvolti da una buccia delicata semi trasparente molto aderente chiamata buccia d'argento.

I piccoli fiori bianchi non sono diversi da quelli del gelsomino o dell'arancio nella forma e nel profumo. Sono tubolari, ed il tubo della corolla si divide in cinque segmenti bianchi, anche se il numero dei petali non è affatto costante, persino nei fiori della stessa pianta. Durano circa tre giorni. Nei paesi in cui le piantagioni di caffè si trovano vicino alla costa, i viaggiatori che si avvicinano possono sentire la loro ricca fragranza a tre miglia dalla terra.


Preparazione


Il caffè viene preparato per il mercato con il metodo "secco" e il metodo "umido". Nel primo caso le bacche sono essiccate al sole e pulite a mano o dalle macchine, il tutto a secco. Nel secondo vengono fatte macerare, spolpate in acqua e asciugate al sole o con essiccatori artificiali prima di essere pulite.

I chicchi puliti sono trasportati alla città portuale più vicina, dove, prima di essere imbarcati, sono spesso testati e selezionati dai compratori che rappresentano i più grandi importatori nei principali paesi di consumo del prodotto. Arrivati nei paesi di consumo, i chicchi verdi sono tostati, confezionati e distribuiti ai consumatori attraverso canali riconosciuti.

La miscela utilizzata per Vercafè, invece, non viene tostata, ma subisce un differente processo di lavorazione che permette di immetterlo sul mercato crudo.